Senza filtro - La Cgil inizia la raccolta della firme
Una petizione popolare
per rilanciare la politica della casa

Viterbo 15 - settembre - 2004
Il problema delle abitazioni in affitto si fa sempre più grave.
I canoni in continua crescita ed il lievitare dei costi relativi all’uso del bene casa stanno mettendo le famiglie di lavoratori, pensionati e studenti universitari fuori sede nella condizione di non poter far fronte al pagamento di quanto richiesto.

Inoltre, il processo di dismissione del patrimonio pubblico sta erodendo proprio quella parte di abitazioni che fino ad oggi avevano contribuito a calmierare il mercato stesso.
Rispetto all’emergenza sfratti il Governo non ha perso occasione per varare un decreto che rappresenta un ulteriore regalo alla rendita e alla proprietà edilizia ( con sgravi fiscali e risorse sottratte al Fondo Sociale per l’affitto)

E’ per queste ragioni che CGIL-CISL-UIL insieme ai sindacati degli inquilini hanno lanciato una petizione popolare per chiedere al Governo ed al Parlamento Italiano il rilancio e il finanziamento di una politica abitativa incentrata sull’edilizia sociale ed agevolata in affitto.
Con la raccolta di 1 milione di firme intendiamo lanciare un messaggio forte al Paese sul problema caro – casa e in particolare, sulle condizioni di disagio e di precarietà, anche dal punto di vista abitativo, in cui vivono decine di migliaia di famiglie, di giovani, di anziani, di immigrati.

L’avvicendarsi della scadenza della legge finanziaria, inoltre, di fronte ad un esplicito orientamento delle forze del centro destra che punta ancora una volta a far pagare ai lavoratori e alle fasce più deboli la crisi della finanza pubblica richiede una accelerazione dell’iniziativa.

La CGIL di Viterbo insieme a tutte le categorie ha già predisposto una serie di iniziative per la raccolta delle firme nei vari posti di lavoro e invita tutti i lavoratori, i pensionati,gli studenti, i giovani, gli immigrati i cittadini tutti, a recarsi presso le Camere del Lavoro provinciali per sottoscrivere la petizioni, con la certezza che insieme ancora una volta, riusciremo a raggiungere l’obiettivo e difendere così i nostri diritti.


Il Seg. Gen.le
G.B. Martinelli

15- settembre - www.tusciaweb.it