Senza filtro
Commissione d'inchiesta sull'uranio impoverito
Il senatore Bonatesta relatore

Viterbo 16 - settembre - 2004
Il senatore Michele Bonatesta, presidente della federazione provinciale di AN, ha espresso la sua soddisfazione per l'approvazione, da parte della commissione Difesa del Senato, della proposta di istituzione di una commissione monocamerale parlamentare d'inchiesta sui casi di morte e di gravi malattie che hanno colpito il personale militare italiano impiegato nelle missioni internazionali di pace, nonché sulle condizioni della conservazione e sull'eventuale utilizzo di uranio impoverito nelle esercitazioni militari sul territorio nazionale.

La proposta, approvata all'unanimità in sede referente, va ora in aula.

Bonatesta, che è il relatore del provvedimento, ha sottolineato che "benché la proposta di istituire una commissione parlamentare d'inchiesta sul cosiddetto "allarme uranio impoverito" fosse già stata presentata nella scorsa legislatura, c'è voluta una maggioranza e un governo di Centrodestra per approvarla. Lo scopo di questo organismo -ha aggiunto il parlamentare viterbese- è quello di fare luce, di andare alla ricerca della verità, accertando innanzitutto se vi sia o meno un nesso di causalità tra le esposizioni ad uranio impoverito e le malattie che hanno colpito i nostri militari. Senza tesi e posizioni preconcette ed evitando qualsivoglia strumentalizzazione. Il tutto -ha concluso Bonatesta- in nome della trasparenza, per dare una risposta coerente e certa ai familiari dei militari colpiti dalle malattie e, più in generale, all'opinione pubblica".

16- settembre - www.tusciaweb.it