Senza filtro - Interviene Rizzacasa presidente dell'associazione Con Prodi per l'Ulivo
Per le primarie va istituito un albo
degli elettori del centrosinistra

Viterbo 16 - settembre - 2004
Il debutto della lista unitaria alle elezioni europee prelude ad una fase di profonda innovazione nella politica italiana.
Le resistenze che si stanno manifestando contro il processo di integrazione avviato da Prodi, al di là delle intenzioni, possono solo perpetuare il centrosinistra delle molteplici sigle e degli innumerevoli apparati dietro i quali, spesso, si nasconde il nulla.

Nella stessa Margherita, pure nata come il soggetto più genuinamente ulivista del centrosinistra, ci sono settori che aspirano alla sua trasformazione in senso neocentrista, vagheggiando ora una riforma elettorale proporzionalista, ora una ricollocazione sul versante conservatore nell’auspicio di una rapida eclissi del “berlusconismo”.

Questi tentativi, fattisi sempre più espliciti, rendono essenziale sperimentare forme organizzative nuove, attivando azioni coordinate che partano dal basso e che vedano protagonisti quanti, all’interno ed all’esterno degli attuali partiti, credono nel progetto di “Uniti nell’Ulivo” ed aspirano ad un centrosinistra più convincente e, come tale, competitivo.
Il dibattito sviluppatosi sulle primarie e le numerose adesioni a queste ultime, anche in vista delle elezioni provinciali di Viterbo, non possono che farci piacere.

Ci aspettiamo, a questo punto, un confronto serio sulle regole, che non limitino la partecipazione ai soli iscritti ai partiti, ma che evitino anche un’apertura indiscriminata a chiunque. Chiediamo, a questo scopo, l’istituzione di un albo degli elettori di centrosinistra che, definendo prioritariamente il corpo elettorale, assicuri credibilità e affidabilità alle primarie stesse.

Auspichiamo, infine, che il confronto e le azioni conseguenti vengano sviluppati valorizzando l’apporto dei nuovi soggetti organizzati, associazioni, movimenti e liste civiche, attori fondamentali del processo di rinnovamento del centrosinistra per la loro capacità di arrestarne il decadimento seguito alla precoce liquidazione del Governo Prodi nel 1998.

Il Presidente
dell'Associazione con Prodi per l'Ulivo

Aurelio Rizzacasa

16- settembre - www.tusciaweb.it