Senza filtro - Bonatesta e la Allegrini scrivono al governatore del Lazio Storace - Sollecitata la realizzazione del Centro per la cura del morbo a Tuscania
Alzheimer, non c’è tempo da perdere!

Viterbo 23 - settembre - 2004
“Caro Presidente martedì scorso, 21 settembre, si è celebrata in tutto il Paese l’undicesima giornata mondiale dell’Alzheimer, malattia neurologica più frequente che colpisce le persone anziane. L’appuntamento, istituito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e dall’Alzheimer Disease International (Adi), organizzazione che raggruppa le associazioni di familiari di 66 Paesi di tutto il mondo, ha inteso testimoniare la nascita di un movimento internazionale che vuole creare una “coscienza pubblica” sugli enormi problemi provocati da questa malattia”.

Inizia così la lettera che questa mattina il sen. Michele Bonatesta, Presidente provinciale di Alleanza Nazionale, e il consigliere regionale Laura Allegrini hanno inviato al governatore della Regione Lazio, on. Francesco Storace, sollecitando il suo immediato e autorevole intervento per sbloccare gli eventuali impedimenti che stanno ritardando la realizzazione del Centro Alzheimer di Tuscania.

“”Coscienza pubblica”, della quale Alleanza Nazionale, nel Viterbese, già da tempo ha deciso di farsi portavoce, facendosi carico di una bellissima iniziativa, a suo tempo proposta dal Circolo territoriale di Tuscania per la realizzazione in loco, appunto, di un “Centro per la cura e la ricerca” a tutela e sostegno di quanti sono affetti dal morbo di Alzheimer e dei loro familiari – hanno proseguito i due parlamentari di An -

E, come suo solito, An si è fatta carico di questo gravissimo problema sociale in maniera concreta e istituzionalmente corretta, facendo seguire alle parole i fatti. Avendo trovato proprio nella Tua persona uno sponsor e un testimonial convinto e deciso, con un emendamento alla Finanziaria di 2 anni fa, proposto dal sottoscritto, riuscimmo a far destinare alla Regione Lazio la non indifferente somma di 3 milioni di euro (circa 6 miliardo delle vecchie lire) proprio per la realizzazione, a Tuscania, del “Centro per l’Alzheimer”. Un grosso risultato, di cui An è andata fiera – hanno ricordato il sen. Bonatesta e l’on. Allegrini - accolto con entusiasmo dalla popolazione, su tutto il territorio, anche e soprattutto perché ha testimoniato l’attenzione del Governo per le problematiche socio-sanitarie del Viterbese (sicuramente grazie anche all’impegno costante della Regione Lazio in questo settore) in un momento di “vacche magre per tutti “, particolarmente delicato.

Tornando alla “Giornata mondiale” celebratasi martedì scorso, il tema di quest’anno è stato: “Non c’è tempo da perdere”. Il riferimento è al dato secondo cui oggi l’Alzheimer, che rappresenta il 50-60% delle forme di demenza, è una emergenza sanitaria destinata ad esplodere: i casi sono 18 milioni in tutto il mondo, 600mila solo in Italia. Cifre, tuttavia, destinata raddoppiare entro il 2005, come conseguenza dell’invecchiamento della popolazione – ricordano i due esponenti di An - non c’è tempo da perdere, dunque, e questo grido d’allarme An lo fa suo chiedendo il Tuo intervento immediato e risolutivo, per avviare finalmente la realizzazione del centro Alzheimer di Tuscania, destinato a diventare inequivocabilmente l’ennesima riprova dell’efficacia del “ Modello Lazio” in Italia e nel mondo, un modello legato al Tuo nome e che noi, tutta An, non vogliamo possa essere minimamente offuscato da eventuali, incomprensibili ritardi della macchina burocratica. Nell’attesa di una Tua cortese ma urgente assicurazione sui tempi che ancora dovremo attendere gradisci i nostri più cordiali saluti” hanno concluso il sen. Bonatesta e l’on. Allegrini.

23- settembre - www.tusciaweb.it