Viterbo - Sabato 18 ore 10 Piazza san Sisto
Adesioni alla manifestazione c
ontro l'antenna di Rai Way a Blera

Viterbo 15 - settembre - 2004

Contro l'antenna Ray Way

MANIFESTAZIONE A VITERBO

Sabato 18 Settembre ore 10

Partenza da Piazza S. Sisto
con arrivo alla Piazza del Comune

Una delegazione sarà ricevuta dal Prefetto alle ore 11,30

I Sindaci con i gonfaloni e i cittadini dei comuni interessati sfileranno per ribadire il loro no contro la nuova minaccia allo sviluppo del territorio.


Adesioni alla manifestazione


IL GRUPPO REGIONALE DEI VERDI ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE CONTRO IL TRALICCIO RAY WAY DI BLERA

 BLERA: SUI MONTI DELLA TOLFA RAY WAY VUOLE INSTALLARE UN’ANTENNA ALTA 180 METRI CON UNA POTENZA DI 600KW

BONELLI: “LA TORRE DI RAY WAY SQUARCIA I BOSCHI DELLA TOLFA”

Angelo Bonelli, Capogruppo dei Verdi alla Regione Lazio, aderisce alla manifestazione di sabato organizzata dal Forum Etruria per contrastare l’installazione del traliccio Ray Way di Blera (Viterbo).

“A Blera - afferma Bonelli - Ray Way ha deciso di installare un’antenna alta 180 metri con potenza di 600kw. Tutto accade senza aver ottenuto prima il nullaosta regionale per realizzare interventi in aree Zps, vale a dire zone protezione speciale. L’antenna che Ray Way ha deciso di installare nella frazione di Civitella Cesi (Comune di Blera) squarcerà una zona agricola. Non solo. A pochi chilometri di distanza si trova il sito di importanza comunitaria (Sic) di San Giovenale. Ma c’è dell’altro. La zona è stata delimitata dal piano regionale dei parchi per la sua alta valenza ambientale e perciò destinata a futuro parco regionale”.

“Il progetto della mega antenna - dice Bonelli - non è conforme alle norme previste nel piano regolatore vigente del Comune. E va anche ricordato che esso non è completo di tutte le infrastrutture da realizzare, che non ha ottenuto il nullaosta regionale per la realizzazione di interventi in zona sottoposta a vincolo idrogeologico e che non ha ottenuto il permesso dell’autorità di bacino del Lazio”.

“Su questa vicenda - continua Bonelli - ho presentato un’interrogazione urgente agli assessori regionali alla sanità e all’ambiente, Verzaschi, chiedendo loro di attivarsi per scongiurare la realizzazione dell’impianto perché è necessario tutelare la salute della popolazione e preservare l’economia locale incentrata sul turismo di qualità e sulla produzione agro-alimentare biologica”.

“Non è possibile che in un’area così pregiata si realizzi un impianto ad elevato impatto ambientale - conclude Bonelli - E’ necessario preservare il territorio, che è ancora integro e di grande valore archeologico. Ma è anche necessario tutelare la salute dei cittadini dai rischi dell’elettrosmog”.

Angelo Bonelli

Capogruppo Verdi Regione Lazio



Legambiente

Legambiente aderisce al comitato FORUM ETRURIA e alla manifestazione indetta per sabato dallo stesso comitato per contrastare l'installazione dell'impianto RAI WAY nel territorio di Blera

I Monti della Tolfa sono una delle più importanti aree naturalistiche del Lazio, riconosciute dalla Comunità Europea come ZPS (Zona di Protezione Speciale). Da tempo la zona, come tante altre del viterbese, è oggetto di interessi speculativi che non ne favoriscono la salvaguardia ambientale e ne limitano lo sviluppo: discariche di rifiuti tossici, centrali termoelettriche a carbone; ecc…
L'ultimo assalto viene da una società che gestisce l'installazione per la Rai , la Rai Way, che ha deciso di installare un'antenna da circa 600 Kw, su di un'area di circa 270 ettari in comune di Blera, presso la frazione di Civitella Cesi - Terzolo. La potenza dell'antenna è il doppio di quella di Radio Vaticana di Cesano, che ha deciso di ridurre la potenza dimezzandola rispetto a quella di Rai Way. Pur così dimezzata, l'antenna della Radio Vaticana ha una potenza sufficiente per far compiere alle onde emesse tre volte il giro della Terra.
Il Comune di Blera ha sospeso i termini per l'ottenimento del permesso di costruire perché il progetto è privo di nullaosta regionale per la realizzazione di interventi in zone sottoposte a vincolo idrogeologico, dell'Autorità del Bacino, del nullaosta ai sensi della Legge 349/86, del nullaosta ai sensi del DPR 12.4.96
A noi pare che siano finiti i tempi in cui le popolazioni subivano ignari e indifferenti le decisioni prese da altri. Le comunità sono attente e consapevoli, perciò a Blera, considerati i possibili e probabili danni alla salute conseguenti all'esposizione a onde elettromagnetiche così potenti hanno deciso che questa antenna non la vogliono.
E sarebbe ora che le decisioni importanti siano prese col consenso degli abitanti e non contro il loro volere. Dobbiamo dar loro una mano, per questo è' importante la mobilitazione di tutti, non solo dei blerani.
L'appuntamento è per sabato prossimo alle ore 10 a Piazza S.Sisto a Viterbo. Noi ci saremo e ci auguriamo che tanti altri viterbesi raccolgano la richiesta di solidarietà che viene dai cittadini di Blera.

Pieranna Falasca


Federazione provinciale Ds

La Federazione provinciale dei DS di  Viterbo aderisce alla manifestazione contro la realizzazione della mega antenna di Rai Way Spa nel territorio di Blera indetta per Sabato 18 Settembre a Viterbo.

I DS condividono e sostengono le ragioni di una protesta popolare ampia e diffusa che si preoccupa di tutelare un territorio di grande pregio ambientale e storico, che si batte per riaffermare il diritto alla salute delle popolazioni, che difende un&Mac226;idea equilibrata e sostenibile dello sviluppo territoriale.

In questi mesi l&Mac226;iniziativa dei DS attraverso il Consigliere Regionale Parroncini e attraverso il Gruppo Consiliare provinciale è stata rivolta a sostenere ed allargare una protesta giusta.

In questi giorni è stata presentata una interrogazione parlamentare (allegata) da parte dell'On. Sesa  AMICI (DS-l&Mac226;Ulivo) e il prossimo sabato 18 alla manifestazione sarà presente l'On. Pietro TIDEI (DS - l'Ulivo)

Dunque i DS rispondono positivamente all'invito rivolto ai partiti dal  Comitato contro l'antenna Rai Way e saranno presenti alla manifestazione di sabato prossimo.


Il segretario generale della Cgil


La CGIL di Viterbo sin dall’inizio è stata al fianco dei cittadini di Blera contro la volontà di installare un centro trasmittente onde medie da parte di RAI WEY nella valle del Mignone.

I danni da inquinamento elettromagnetico che l’antenna provocherà si ripercuoteranno pesantemente sulla salute dei cittadini,sull’ambiente e sull’economia locale e provinciale.

La Cgil di Viterbo sarà presente con i propri militanti alla manifestazione di sabato 18 Settembre, per opporsi in maniera forte e convinta contro chi vuole fare della Tuscia una pattumiera e per reclamare e rivendicare maggior rispetto per il popolo della Tuscia che ha bisogno di altri interventi ed investimenti per salvarlo dal lento ma inesorabile declino economico ed occupazionale.


Il Seg. Gen.le
G.B. Martinelli


La C.I.A. aderisce alla manifestazione contro la realizzazione dell’ antenna RAI WAY a Blera.

La C.I.A. della provincia di Viterbo aderisce alla manifestazione contro la realizzazione dell’antenna RAI WAY a Blera. Una delegazione della confederazione sarà presente SABATO 18 settembre all’ iniziativa che prenderà il via alle ore 10.00 a Viterbo P.zza SAN SISTO e si concluderà in P.zza del Comune.
La realizzazione di un’opera delle dimensioni dell’antenna RAI WAY annullerebbe tutti gli sforzi e gli investimenti messi in atto dalla Comunità di Blera e dai Comuni limitrofi per affermare uno sviluppo del territorio rurale incentrato sulla valorizzazione delle risorse locali.
Agricoltura, produzioni tipiche, enogastronomia, archeologia, bellezze naturalistiche e paesaggistiche, rispetto della natura, salute dell’ambiente, delle piante, degli animali e soprattutto degli uomini.
Sono queste tipicità naturali, sociali e storiche che vanno tutelate e valorizzate.
La C.I.A. è al fianco di tutti gli agricoltori della zona che vedano messe in pericolo le proprie attività e le proprie aziende.
C’è una significativa coincidenza tra la difesa degli interessi dell’agricoltura e degli agricoltori e la difesa degli interessi della Comunità intera.
Ma lo sviluppo economico e la difesa della salute dei cittadini sono temi che riguardano indistintamente tutte le categorie sociali ed economiche. Per questo è importante una larga partecipazione delle rappresentanze Professionali alla manifestazione.
È questo il senso della partecipazione e dell’impegno della C.I.A.

Il Presidente Coretti Petronio


Gruppo consiliare Rifondazione Comunista Regione Lazio

Contro la realizzazione della mega antenna, saremo in piazza insieme ai cittadini di Blera il 18 settembre.

Gruppo consiliare Rifondazione Comunista Regione Lazio

Salvatore Bonadonna
Enrico Luciani
Romolo Rea


Arci

Rai Way spa ha chiesto di istallare un’antenna a onde medie di 180 metri d’altezza poggiante su una struttura di 5mila metri cubi di cemento nel territorio del comune di Blera, località Terzolo, a ridosso dell’area archeologica di San Giovenale e dell’abitato di Civitella Cesi. Il sito, per il suo valore storico e paesaggistico, è compreso nel Sic (siti d’inbteresse comunitario), riconosciuto dalla Regione Lazio e dal ministero dell’Ambiente. Le onde irradianti dell’antenna saranno di 600 kw, una potenze tale da impedire a chiunque di sostare per più di 4 ore al giorno nel raggio di un chilometro. Quest’antenna sarà la più potente del mondo e comunque doppia di quella della Radio vaticana di Cesano che – a seguito dell’aumento di casi di leucemia nel territorio circostante fino a un raggio di 10 chilometri – ha deciso di ridurre la potenza dimezzandola rispetto a quella di Rai Way. Ma farà senitre i suoi effetti fino ad un raggio di circa di 12 chilometri. I danni da inquinamento elettromagnetico che l’antenna provocherà si ripercuoteranno pesantamente sulla salute dei cittadini, sull’ambiente e sull’economia locale, incidendo gravemente sullo sviluppo dell’intera Tuscia.

Il comitato contro l’installazione dell’antenna Rai Way dice:
- No al degrado del territorio come sede del centro trasmittente di Rai Way
- No all’imposizione di nuove servitù ambientali-ecologiche alla Tuscia
- Si al diritto alla salute per noi e per i nostri figli
- Si ad uno sviluppo che tuteli e valorizzi la storia e la natura del territorio
Sabato 18 settembre ore 11 a Viterbo corteo da piazza San Sisto alla prefettura per un incontro della delegazione del comitato col prefetto


Giuseppe Parroncini
Giuseppe Parroncini parteciperà, sabato 18 settembre, alla manifestazione indetta a Viterbo contro il progetto di Rai Way Rai Way SpA per la realizzazione di un nuovo Centro trasmittente OM nel comune di Blera. “Ritengo che debba essere espresso, da parte dei rappresentanti delle istituzioni, il massimo impegno, per impedire un intervento non voluto dalle popolazioni locali e che sconvolgerebbe un territorio unico, il cui sviluppo non può che far leva sulla valorizzazione della qualità delle risorse ambientali, dei beni culturali e delle produzioni tipiche dell’agricoltura, che rappresentano la vera ricchezza per il futuro”, sostiene il consigliere regionale Ds, il quale, sulla vicenda, ha presentato, nel mese di luglio, una interrogazione rivolta al presidente della giunta regionale ed agli assessori all’Urbanistica, all’Ambiente e alla Sanità, e, dopo essere intervenuto all’assemblea unitaria svoltasi a Blera il 31 luglio, ha predisposto una mozione, firmata anche dai gruppi consiliari della Margherita, di Rifondazione Comunista, dei Verdi, dei Comunisti Italiani, dello Sdi e dell’Udeur. “Mozione che sarà riproposta nella prossima seduta del consiglio regionale -dice Parroncini-, visto che in quella del 3 agosto il centrodestra ne ha impedito l’iscrizione all’ordine del giorno”.

“E’ importante la mobilitazione cresciuta nelle ultime settimane, dopo il chiaro e coerente pronunciamento del Comune di Blera, contro l’antenna, a tutela dell’integrità della zona e della salute dei cittadini, per una strategia di sviluppo ecocompatibile. Il ministro Maurizio Gasparri e lo stesso presidente della Regione devono prendere atto della volontà delle popolazioni e trarre la sola conclusione possibile: rinunciare alla realizzazione del progetto di Rai Way a Blera. Non accetteremo in alcun modo che questi territori continuino ad essere considerati esclusivamente come servitù”, conclude il consigliere regionale.


Tusciaweb

La redazione di Tusciaweb solidarizza e aderisce


PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA

I circoli territoriali del Partito della Rifondazione Comunista di Vetralla, Capranica, Sutri e Bassano Romano aderiscono e partecipano alla manifestazione che si terrà il 18 settembre prossimo a Viterbo contro il tentativo di installare la mega antenna a Blera.
Le feste di Liberazione che si sono svolte in queste ultime settimane sono state anche occasione importante di raccolta firme e di informazione della cittadinanza contro il progetto di Rai Way.
L’antenna che vogliono installare in località Terzolo, alta 180 metri, con una capacità di emettere onde medie fino a 600volt/m (la legge prevede la soglia massima di 6 volt/metro), non solo causerà gravi problemi alla salute dei cittadini anche dei Comuni limitrofi (gli effetti sulla salute delle onde medie si fanno sentire fino a un raggio di 12 km di distanza) ma andrà inevitabilmente a compromettere lo sviluppo economico e culturale dell’intero comprensorio.
Da qualche anno a questa parte registriamo una vera e propria aggressione al nostro territorio da parte di multinazionali che puntano a trasformare una zona incontaminata dal punto di vista ambientale, ecologico e con un grande potenziale turistico, grazie alle sue risorse storiche (per esempio S. Giovenale, Norchia, l’anfiteatro di Sutri, Palazzo Odescalchi a Bassano Romano) nello sgabuzzino del centro Italia.
Partecipiamo con convinzione alla mobilitazione del 18 insieme alla popolazione di Blera, affinché le comunità locali possano decidere loro lo sviluppo dei loro territori e per dire ancora una volta no a questa nuova servitù ecologico ambientale che vogliono imporre alla Tuscia.
L’appuntamento per tutti e sabato 18 settembre alle ore 11, a Viterbo in Piazza S. Sisto.


Walter Mancini
Direzione provinciale
PRC Viterbo

15- settembre - www.tusciaweb.it