::::: Tutto low cost  Tutto viaggi  Tutto automobili
Logo TusciaWeb
Archivi | Mailing | Contatti | Primo | Provincia | Roma Nord | Lazio | Sport | Flash | Forum |Dossier | Gallery| TwTv| Corriere2000|





Cronaca - In esame anche 15mila telefonate
Yara si cerca con il georadar
Viterbo - 11 dicembre 2010 - ore 19,30

Yara Gambirasio
- Yara si cerca con il georadar.

Non si fermano le ricerche di della 13enne campionessa di ginnastica.

I carabinieri stanno lavorando nel cantiere del centro commerciale alle porte di Mapello e starebbero utilizzando un georadar. Si tratta di una sofisticata apparecchiatura che scatta una radiografia al terreno, messa a disposizione dal Ros di Roma per scandagliare il sottosuolo in cemento armato.

Il georadar sarebbe, dunque, in grado di vedere qualsiasi oggetto che si nasconde nel terreno, arrivando a una profondità di circa dodici metri, mostrandolo anche in 3D. L'attrezzatura è arrivata a Brembate Sopra da tre giorni ed è stata utilizzata finora solo nel cantiere, che ormai da dieci giorni è oggetto delle indagini dei militari. Non si esclude che potrebbe essere utilizzato anche in altri posti.

Al momento, però, non sono state riscontrate anomalie.

Intanto, i carabinieri stanno passando al setaccio 15mila telefonate. In particolare i militari di un reparto specializzato stanno esaminando le chiamate registrate nelle celle dei territori di Mapello, Brembate e Ponte San Pietro al momento della scomparsa della 13enne, fra le 18,30 e le 19 di venerdì 26 novembre.


Copyright 2010 TusciaWeb - Chi siamo



Condividi

-