::::: Tutto low cost  Tutto viaggi  Tutto automobili
Logo TusciaWeb
Archivi | Mailing | Contatti | Primo | Provincia | Roma Nord | Lazio | Sport | Flash | Forum |Dossier | Gallery| TwTv| Corriere2000|





Carabinieri - Operazione "A Merry Christmas" - Due arresti e una denuncia
Un kit completo per clonare carte e bancomat
Viterbo - 23 dicembre 2010 - ore 14,20

Gli arrestati
Il 22enne romeno A.M.
Il 56enne romano S.L.
Il capitano dei carabinieri di Tuscania Massimo Cuneo
Un momento della conferenza stampa alla caserma dei carabinieri di Viterbo
Il materiale sequestrato dai carabinieri: carte di credito, bancomat, denaro, carte di identità e il kit per la clonazione delle carte
- Un kit per clonare carte di credito, bancomat e Pos di negozi e supermercati.

E' quanto hanno trovato i carabinieri di Tuscania nel corso dell'operazione "A merry Christmas". Un vasto servizio di controllo eseguito prima delle festività natalizie che ha portato all'arresto di due persone: A.M., romeno 22enne proveniente da Ladispoli e S.L., 56enne, originario della Capitale.

I due, entrambi incensurati, sono stati smascherati durante un posto di blocco sull'Aurelia, a Tarquinia.

"Erano a bordo di un'auto sottoposta a fermo amministrativo - ha spiegato il capitano dei carabinieri di Tuscania Massimo Cuneo -. Li abbiamo bloccati e sottoposti a perquisizione, prima della macchina, poi delle rispettive abitazioni".

Nell'auto, i militari hanno trovato trenta carte di credito Postepay. In casa del più giovane c'era tutto l'occorrente per clonare carte, bancomat e Pos di esercizi commerciali. Mentre dall'abitazione del romano sono state portate via banconote contraffatte e carte di identità. Alcune false. Altre autentiche, non intestate a S.L. e probabilmente rubate.

Tre le modalità di frode attuate dagli arrestati.

La prima avveniva attraverso l'utilizzo degli skimmer. Finte maschere identiche alla fessura del bancomat, in grado di copiare la banda magnetica delle carte. La microcamera installata sopra faceva il resto, riprendendo la digitazione del codice. I dati salvati venivano poi usati con carte di credito "bianche", con cui A.M. e S.L. facevano i prelievi.

Il secondo tipo di frode prevedeva l'installazione di microchip nei Pos di supermercati e negozi. I due entravano di notte, li posizionavano ed estrapolavano i dati con un sistema di radiotrasmissione, per poi utilizzarli con le solite "carte bianche".

Il terzo, invece, consisteva nel rivolgersi ad altre organizzazioni che svolgono da anni questa attività, per acquisire i codici via Internet.

"Sospettiamo che, dietro i due arrestati - ha detto il capitano Cuneo - ci sia una banda specializzata. Abbiamo preso solo una cellula dell'organizzazione, che, probabilmente, opera a livello internazionale".

Il nome dell'operazione è emblematico. "L'abbiamo voluta chiamare A merry Christmas - spiega il colonnello Gianluca Dell'Agnello - in segno di augurio di buon Natale a tutti coloro che, proprio durante le feste, avrebbero rischiato di rimanere al verde. Con i conti svuotati da chi mette in piedi questo tipo di frode, stroncata sul nascere dai carabinieri di Tuscania".

Gli arrestati, portati al carcere di Civitavecchia, sono accusati di clonazione e utilizzo fraudolento di carte di credito clonate.

Oltre ai due è stata denunciata a piede libero per favoreggiamento la convivente di A.M., anche lei romena, che secondo i carabinieri, era al corrente dell'attività illecita dei due.


Tuscania - Carabinieri - Operazione "A merry Christmas"
Clonavano carte e bancomat, due arresti
Viterbo - 23 dicembre 2010 - ore 12,45


Tuscania - I carabinieri sgominano banda di clonatori
Clonavano bancomat e carte di credito
Viterbo - 23 dicembre 2010 - ore 8,50


Copyright 2010 TusciaWeb - Chi siamo



Condividi

-