::::: Tutto low cost  Tutto viaggi  Tutto automobili
Logo TusciaWeb
Archivi | Mailing | Contatti | Primo | Provincia | Roma Nord | Lazio | Sport | Flash | Forum |Dossier | Gallery| TwTv| Corriere2000|





Diocesi Civita Castellana - Perché il piccolo seme diventi un grande albero
Giornata del Seminario
Viterbo - 3 dicembre 2010 - ore 12,50

Riceviamo e pubblichiamo - L’8 dicembre nella diocesi di Civita Castellana si celebra la “Giornata del Seminario”.

Oltre a raccogliere offerte per il sostegno materiale dei futuri sacerdoti della nostra Chiesa locale, è una circostanza che ci invita a riflettere sul valore e sull’importanza della vocazione al sacerdozio, soprattutto nel nostro tempo, e a pregare insistentemente perché non manchino sacerdoti secondo il cuore di Cristo per le nostre comunità parrocchiali.

Papa Benedetto XVI ha detto: “Il Seminario è tempo di cammino, di ricerca, ma soprattutto di scoperta di Cristo. Infatti, solo nella misura in cui da una personale esperienza di Cristo, il giovane può comprendere in verità la sua volontà e quindi la propria vocazione. Più conosci Gesù, più il Suo mistero ti attrae; più lo incontri e più sei spinto a cercarlo”.

“Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga” (Gv 15, 16).

Nella parola “seminare” troviamo la parola “seme”, la quale ci ricorda la parabola del Seminatore “Ed ecco il seminatore uscì a seminare…” (Mt 13, 3-8). Il Seminatore è Dio-Padre.

Il seme della vocazione come il granellino di senape, è il più piccolo seme che Dio ha messo nel cuore di ogni uomo, che “una volta cresciuto è il più grande degli altri legumi” (Mt 13, 32). Il seme sparso cade, oltre che sulla strada e sulle spine, anche nel terreno buono.

In Seminario si radunano tutti quei ragazzi che pensano di essere un “terreno buono” dove la semente della Parola di Dio, feconda e sparge a piene mani il misterioso seme della vocazione.

I seminaristi sono coloro che un domani annunceranno il Vangelo, formeranno giovani a ciò che è buono, vero e giusto, doneranno il conforto di Dio a chi vive nella sofferenza.

E, perciò, compito di tutta la comunità diocesana accompagnare con la preghiera i ragazzi e i giovani che si preparano al sacerdozio e aiutarli nelle loro necessità quotidiane.

La Chiesa ha bisogno di buoni sacerdoti e la comunità deve sostenere non solo moralmente, ma anche con il sostegno materiale la vita del seminario, i quali vogliono dare un contributo alla ricerca della propria vocazione e così aiutare i giovani a rispondere da soli alla domanda che già S. Francesco aveva posto: "Signore, cosa vuoi che faccia?".

Diocesi Civita Castellana


Copyright 2010 TusciaWeb - Chi siamo


Condividi

-