::::: Tutto low cost  Tutto viaggi  Tutto automobili
Logo TusciaWeb
Archivi | Mailing | Contatti | Primo | Provincia | Roma Nord | Lazio | Sport | Flash | Forum |Dossier | Gallery| TwTv| Corriere2000|





Viterbo - L'interrogazione del consigliere Quintarelli (Pd)
I fondi delle alienazioni che fine hanno fatto?
Viterbo - 4 dicembre 2010 - ore 11,30

Mario Quintarelli
Riceviamo e pubblichiamo - Nel 2008 e nel 2009 la giunta elaborò 2 piani di alienazione di immobili comunali:

il primo piano (2008) per un importo di un milione 585mila euro;

il secondo piano (2009) per un importo di 5 milioni e 960mila euro.

Entrambi i piani sono stati regolarmente pubblicizzati affinchè chiunque interessato potesse presentare la propria offerta.

A distanza di tempo mi corre l’obbligo chiedere chiarimento in merito:
- quanti sono i lotti appaltati;

- per quanti di questi lotti sono stati stipulati i relativi contratti di vendita;

- quali e quanti sono i lotti in sospeso e le eventuali motivazioni che hanno portato tale sospensione;

- quali sono le somme da incassare e incassate.

Relativamente all’utilizzo dei fondi incassati, se incassati si chiede di conoscere:

come sono state utilizzate le plusvalenze e per quale importo;

l’importo residuo o patrimoniale a quale investimenti è stato destinato;

per i lotti non ancora giudicati, come si intende procedere, con quali tempi e a quanto ammonta la base d’asta.
a che cosa sono destinati gli eventuali introiti.

Tenuto conto che nel mese di maggio 2009 il capogruppo Pdl Contado dichiarò che con il ricavato della vendita “la maggioranza aveva un idea precisa di come investire, nelle priorità ben definite delle necessità comuni.

Per il rifacimento dei manti stradali saranno dedicati 1.500.000 euro, all’edilizia scolastica sarà dedicato un milione, 300.000 euro per la realizzazione dell’illuminazione di PratoGiardino Lucio Battisti, al museo civico di Piazza Crispi verranno assegnati 800.000 euro per la ristrutturazione, per la sistemazione delle tante bellissime fontane previsti 200.000 euro, l’impiantistica sportiva comunale che necessita di interventi di riqualificazione e messa in sicurezza l’importo sarà di 400.000, altri 400.000 per la trasformazione della tettoia bus in piazza del Sacrario in locali o uffici, 400.000 euro per realizzare la scala mobile che da Valle Faul arriverà fino alla zona antica di Viterbo, 400.000 per il sistema dei varchi elettronici alle porte cittadine e infine 500.000 dedicati a interventi straordinari nelle frazioni.

A questo punto occorre fare delle considerazioni, visto che non è stato realizzato nulla si può giungere a 2 conclusioni: o i piani di alienazione non hanno raggiunto gli obiettivi prefissati o i fondi dei beni alienati sono stati utilizzati per altre finalità a noi sconosciute.

Mario Quintarelli
Consigliere comunale Pd


Copyright 2010 TusciaWeb - Chi siamo


Condividi

-