::::: Tutto low cost  Tutto viaggi  Tutto automobili
Logo TusciaWeb
Archivi | Mailing | Contatti | Primo | Provincia | Roma Nord | Lazio | Sport | Flash | Forum |Dossier | Gallery| TwTv| Corriere2000|





Canino - Domani, 8 dicembre, si chiude la 50esima edizione
Quindici metri di bruschetta e la sagra è servita
Viterbo - 7 dicembre 2010 - ore 13,45

La bruschetta di Canino
- Domani, 8 dicembre, si chiude a Canino, la 50esima edizione della Sagra dell’olivo e per l’occasione sarà possibile assaggiare i classici biscotti di Natale caninesi.

Tra le terme laziali e quelle toscane, immerso nella zona della maremma e a pochi passi da mare e montagna, Canino è il luogo ideale per assaporare l’inizio del Natale.

La cinquantesima sagra dell’olivo è dedicata alla tradizione. Sarà infatti presente un esperto assaggiatore di olio dal naso e palato finissimi: riscaldando tra le mani i bicchierini, contenenti olio, è in grado di captare distintamente profumi volatili e caratteristiche sensoriali; ossigenando l'olio in bocca riesce ad interpretare le sensazioni (dolce, amaro, piccante) differenze organolettiche per poi associarle alle diverse varietà diffuse sul territorio.

Una scienza esatta, più che sensazioni soggettive: la degustazione si avvale infatti di regole precise, affidate metodo di valutazione voluto dall'Unione Europea.

Nelle “caverne” aperte per l’occasione è possibile degustare i piatti tipici locali e non solo perché a regnare nella 50esima sagra ad esso dedicata ci sarà la bruschetta più grande del mondo, lunga 20 metri e cosparsa di oltre 15 litri d’olio.

È curioso in questi “buchi neri” che caratterizzano il paese e vedere le pareti scavate con il piccone, usato ancora fino a poco tempo, dallo “scavatore” che veniva chiamato come fosse un consulente ad allargare le cantine delle case.

Nel programma dei tre giorni dedicati all’olio caninese è prevista la visita al castello di Castellardo, il forte che nel Medioevo controllava la strada che permetteva di raggiungere Roma evitando le paludi dell’Aurelia e al Museo di San Francesco.

In via eccezionale ci sarà il corteo storico dei comuni del Ducato di Castro con la partecipazione della banda di Canino e il corteo storico “da Napoleone a Garibaldi” con la partecipazione dell’associazione Napoleonica Italiana e della sez.ione Napoleonica Romana e i Garibaldini della sezione Arta di Roma con armi d’epoca.

Poi naturalmente vicino a noi c’è sempre l’affascinante necropoli etrusca di Vulci con il bellissimo parco e la vecchia città. Lungo un percorso che fonde natura ed archeologia industriale, si trovano l'ex mattatoio comunale, di inconfondibile architettura del ventennio fascista, ancora in buone condizioni e un mulino del 1860.

Proseguendo incontriamo il monumento di archeologia industriale più pregiato di Canino e di tutto il Lazio: la Ferriera. Subito dopo c'è una deliziosa cascata di alcuni metri che tutt'intorno ha levigato la roccia basaltica.

Scheda:
Dove: la manifestazione è organizzata nel centro storico di Canino
Costo: non ci sono costi d’entrata
Quando: aperto dalle 10 fino alle 23 dal 3 all’8 dicembre
Info: 3408505381


Copyright 2010 TusciaWeb - Chi siamo



Condividi

-