:::::    
Logo TusciaWeb
Archivi | Mailing | Contatti | Primo | Provincia | Roma Nord | Lazio | Sport | Flash | Forum |Dossier | Gallery| TwTv| Corriere2000|




Viterbo - Lucio Antenozio lamenta il grave disservizio a Santa Barbara
Senza acqua dalle 7,30 alle 8,30
Viterbo - 17 maggio 2011 - ore 2,45


Riceviamo e pubblichiamo - In questa era dove abbiamo raggiunto una discreta qualità della vita, benessere e decoro abitativo in località Santa Barbara per poterci lavare, che è un diritto di ogni essere umano civile, dalle 7,30 alle 8,30 e impossibile per chi abita negli ultimi piani.

Mi spiego meglio. Ormai da 5 anni sono residente a Santa Barbara in zona Capretta al quinto piano di una recente costruzione, e fin tanto che non costruissero le ultime case popolari il flusso dell'acqua potabile veniva regolarmente, dopo l'assegnazione delle case popolari  se ci si vuol lavare o ci si lava dopo le 6 del mattino o dopo le 8,30 in quanto il flusso dell'acqua è talmente minimo che solo per lavarsi i denti ci vogliono 10 minuti, figuriamoci per farsi una doccia o un bagno.

Come di consueto mi sono recato personalmente alla Robur che è l'ente preposto al controllo delle acque potabili e fognature per il Comune di Viterbo il quale la prima volta ha inviato il personale tecnico per un controllo della portata d'acqua al contatore.

Chiaramente il flusso dopo le 8,30 risulta regolare, conseguentemente ho lamentato il problema per altre due volte e a mezzo fax, e la Robur stante probabilmente gli esposti presentati da altri utenti, ha semplicemente ingrandito le tubature in vari punti del quartiere.

Speravo che alla fine dopo aver effettuato gli interventi sopra citati la situazione sarebbe cambiata, povero illuso io e tanti altri, la situazione è sempre la stessa o ti svegli alle 6 e usi l'acqua prima delle 6 o dopo le 8,30 oppure se proprio devi andare al lavoro puoi anche lavarti più tardi.

Meno male che abbiamo raggiunto una buona qualità della vita! Secondo me siamo tornati indietro di 50 anni quando se ci si voleva lavare si doveva andare a prelevare l'acqua alle fontane pubbliche.

Lucio Antenozio


Copyright TusciaWeb - Chi siamo
Condividi
-